Bistecchiera o piastra: cosa è meglio scegliere? analisi caratteristiche, pro e contro

Non riesci a decidere tra bistecchiera o piastra? Se da un lato si tratta innanzitutto di una questione di gusto, dall’altro c’è l’aspetto pratico e la manutenzione da valutare. In questa guida all’acquisto, tutte le informazioni pratiche sulla scelta tra bistecchiera e piastra per preparare grigliate di successo quest’estate. Cominciamo subito con il dire che è una questione di gusti. Da un punto di vista dietetico, considera che sulla piastra non si devono posizionare grassi, mentre è sempre consigliato passare dell’olio con un pennello o con un panno sulla griglia di cottura della bistecchiera per evitare che gli alimenti si attacchino e per evitare la formazione della ruggine. Non è semplicissimo decidere in senso assoluto se sia meglio utilizzare una bistecchiera elettrica o una piastra, poiché tutte e due presentano pro e contro e possono garantire un ottimo funzionamento. Esistono, però, prodotti migliori in base alle proprie necessità.

Come funziona una bistecchiera

In primis, occorre specificare che esistono vari modelli di bistecchiera e che quelle elettriche sono le più diffuse. Queste rappresentano l’opzione naturale alla classica bistecchiera da giardino e che riunisce parenti e amici. Nel momento in cui, dunque, non si ha a disposizione uno spazio aperto e non si può quindi procedere con il metodo “più antico”, la bistecchiera elettrica è il prodotto che consente di ottenere il risultato finale più simile al barbecue. Ci sono poi dei vantaggi da tenere in considerazione:

1.      occupano poco spazio e possono essere appoggiate direttamente sul tavolo, poiché non producono fumo durante la cottura della carne;

2.      sono facili da utilizzare, perché non includono la presenza di una fiamma ma di serpentine riscaldanti che vanno a operare la cottura;

3.      ci sono in commercio bistecchiere capaci di cuocere contemporaneamente i lati della carne, ciò velocizza e facilita ulteriormente la cottura omogenea;

4.      la temperatura può essere modulata in base al grado e al tempo di cottura che si vuole;

5.      la presenza di un termostato, una spia di temperatura e del timer facilitano ulteriormente il funzionamento.

Le bistecchiere elettriche si differenziano per grandezza della griglia, funzionalità, rimovibilità della piastra che consente o meno il lavaggio in lavastoviglie. Esistono poi le bistecchiere da fornello, dette piastre, che ora andremo ad analizzare.

Come funziona una piastra

La piastra per carne, solitamente in ghisa, simboleggia anch’essa una valida alternativa e non può mancare in una batteria da cucina che sia completa. La ghisa ha il grande vantaggio che di solito consente di cucinare molto velocemente i cibi, essendo un ottimo conduttore di calore. Il suo uso è indicato per chi aspira a una cottura omogenea della carne. E’ molto adatta, pertanto, per chi ama la carne ben cotta. Ottimo anche l’abbinamento in cottura con le verdure. Generalmente una buona piastra deve avere i bordi alti, per ridurre o limitare gli schizzi che potrebbero sporcare troppo il piano di cottura. Il manico dovrà essere ergonomico al fine di permettere una buona presa e non è soggetto al surriscaldamento, al fine di poter impugnare comodamente la piastra in qualunque situazione.  Ultimamente si stanno diffondendo le piastre in alluminio, dotate di rivestimento antiaderente in pietra lavica. Tale modello risulta vantaggioso per il prezzo e la maneggiabilità, giacché sono molto più leggere rispetto a quelle interamente in pietra o in ghisa.

Bistecchiera o piastra: pro e contro

La piastra è adatta per chi ama fare delle cotture composte con verdura e con l’eventuale aggiunta di olio e/o grassi vari. E’ perfetta per chi desidera la carne ben cotta o con cottura uniforme. Il prezzo della piastra è abbastanza popolare, anche se ovviamente esistono modelli molto ricercati in virtù del brand, delle dimensioni e soprattutto del materiale utilizzato nella produzione.

Dall’altra parte la bistecchiera ha il vantaggio di assicurare una cottura più simile al tradizionale barbecue, regalando anche una sensazione olfattiva piacevole. L’uso della bistecchiera lascia maggiore autonomia nella cottura grazie all’aiuto di strumenti elettronici. Chi desidera una carne un po’ più rossa può trovarsi particolarmente bene con la bistecchiera elettrica. Altro aspetto positivo della bistecchiera è quello di non generare fumo e lasciare pulito il piano di cottura, di essere facilmente trasportabile poiché occupa pochissimo spazio e risulta molto semplice da usare anche per chi non è un esperto in cucina.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *