I migliori camini a pellet: dove trovarli, modelli, opinioni e prezzi

I camini a pellet sono un prodotto relativamente nuovo, diffusosi negli ultimi anni e sicuramente in grado di destare grande interesse e curiosità. Per prima cosa è importante precisare che i camini a pellet si discostano dalle tradizionali stufe con questo sistema di combustione, ormai molto diffuse negli ultimi quindici anni, e che sono completamente diversi dai camini a legna. Un buon camino a pellet è ideato per creare, nel migliore dei modi, un giusto mix tra elementi innovativi, bellissimo design e per sfruttare le potenzialità della combustione tradizionale.

Ovviamente, come dice il nome stesso, il funzionamento di un camino di questo genere si basa sulla combustione del pellet, materiale legnoso ormai molto facile da reperire online e nei negozi. Tale combustione avviene però non all’interno di una stufa ma in un vero e proprio camino. Questo avviene grazie ad uno specifico inserto che viene posizionato, da ditte specializzate del settore, all’interno di uno spazio apposito, molto spesso recuperando le nicchie dei vecchi camini ormai inutilizzati per il loro scarso rendimento.

Inoltre il camino a pellet è una soluzione molto ricercata perché permette di ottenere parecchi vantaggi, come ad esempio:

  • È programmabile.
  • Ha una maggiore efficienza di un camino tradizionale.
  • È semplicissimo da utilizzare.
  • Rappresenta un bellissimo complemento d’arredo.
  • È ecologico.
  • Offre la massima sicurezza.
  • Si pulisce in modo rapido e semplice.
  • Consente di riscaldare più ambienti diversi.

Ovviamente per poter garantire tutti questi vantaggi è indispensabile scegliere modelli di alta qualità, realizzati nel rispetto dei più alti standard qualitativi.

Dove trovare un camino a pellet

Un camino a pellet può essere acquistato presso un installatore autorizzato, in negozi di elettrodomestici o su appositi portali internet. In alcuni casi può essere consigliabile procedere con l’acquisto in autonomia, magari leggendo bene le indicazioni e le recensioni dei prodotti o facendosi consigliare da un tecnico specializzato. Per legge dovrà infatti essere quest’ultimo a posizionare il camino e a creare la nuova canna fumaria obbligatoria per il funzionamento.

Procedere con l’acquisto in autonomia, sia nei negozi specializzati che sul web, permette molto spesso di risparmiare ma ovviamente è fondamentale assicurarsi di acquistare un prodotto idoneo alla propria casa e agli ambienti da riscaldare. La scelta deve infatti tenere sempre conto di:

  • Particolari esigenze segnalate dal tecnico.
  • M3 da riscaldare.
  • Potenza della macchina.
  • Possibilità di canalizzare l’aria.
  • Programmabilità del camino.

Il camino a pellet, spesso definito anche come “macchina” nel gergo degli esperti del settore, deve essere infatti sempre tarato in base allo spazio disponibile e alle prestazioni che l’utilizzatore si aspetta di ricevere. A meno che non venga istallato solo per motivi estetici il camino dovrebbe avere sempre la canalizzazione, in modo da poter riscaldare al meglio anche altri ambienti, compresi quelli eventualmente presenti al piano superiore di una casa.

Modelli più apprezzati

Tra i modelli più apprezzati troviamo sicuramente quelli della Nordica Extraflame che rappresenta uno dei migliori punti di riferimento del settore in Italia. Ne è un esempio il camino a pellet Comfort Idro L80 che ha un rendimento calorifero maggiore al 90%, un serbatoio da 18 kg e una potenza termica nominale di 14,9 kw. Molto apprezzato nel settore è anche il Clever Mono 1000 Air che ha una potenza termica di 9 kW, adatta ad ambienti non troppo grandi e una connotazione molto “smart”.

Molto ricercati sono sicuramente i camini Ravelli, altro ottimo marchio made in Italy, che ad esempio presenta il celebre Ravelli RBC 810, ottimo per indirizzare l’aria in un’apposita canalizzazione realizzata per riscaldare altri ambienti, oltre a quello in cui è collocato il camino. Si tratta di un modello che offre inoltre il giusto compromesso tra la facilità di utilizzo (comprese le fasi di caricamento e pulizia) e la buona capacità del serbatoio. Unico neo, non si tratta di un camino programmabile tramite App.

Da menzionare sicuramente anche il camino per pellet Palazzetti Ecofire A70, con la sua forma molto regolare e rettangolare. Questo modello ha un serbatoio abbastanza piccolo, e deve quindi essere caricato più spesso, ma è ideale per chi intende riscaldare bene un unico ambiente, avendo un doppio motore elettrico per la ventilazione. Per un ottimo rapporto qualità prezzo può essere consigliabile valutare anche la linea EdilKamin.

Opinioni e prezzi

I modelli con braciere in ghisa hanno solitamente un rendimento più alto e ciò significa che offrono maggiore calore, rispetto ad altri camini, a parità di combustibile introdotto. In generale si tratta di prodotti che hanno ottime opinioni, che differenziano però tra un modello e l’altro. Di conseguenza è consigliabile leggere le recensioni con calma.

I prezzi di un buon camino a pellet variano a seconda delle misure e delle specifiche tecniche. Solitamente partono da un minimo stimabile attorno ai duemila euro (media del prodotto) e possono arrivare fino al doppio per camini di alta gamma. In generale è sempre però consigliabile evitare prodotti troppo economici che finirebbero per non avere il necessario rendimento nel riscaldamento o per dare troppo spesso problemi tecnici.

Infine è sempre importante ricordare che il costo del solo camino a pellet non include le spese dell’istallazione, della realizzazione della canna fumaria e, se previsti, dei condotti ventilati di areazione. Anche se a prima vista può apparire un prodotto costoso, non va mai dimenticato il risparmio che permette di ottenere nel tempo, rispetto al tradizionale riscaldamento a gas, e la bellezza che un bruciatore con fiamma ha, sia in ambienti arredati in maniera tradizionale, sia negli arredamenti con stile maggiormente moderno.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *